+39.347.6086026 info@ostetrichevda.it

Modulistica

Richiesta Patrocinio

Linee guida per la concessione di patrocino da parte dell’Ordine della Professione Ostetrica della Regione Autonoma Valle d’Aosta

 

Art. 1: OGGETTO

Le presenti linee guida disciplinano i criteri e le modalità per la concessione del Patrocinio dell’Ordine della Professione di Ostetrica della Regione Autonoma Valle d’Aosta a soggetti pubblici e privati.

Il patrocinio dell’Ordine può essere richiesto per due tipologie di eventi:

  • aventi carattere scientifico-formativo;
  • attinenti la sfera culturale – professionale e sociale.

La concessione del patrocinio è prevista sempre ed esclusivamente:

  • a titolo gratuito, ovvero senza concessione di contributi o vantaggi economici;
  • con riferimento all’evento specifico per il quale è richiesto e solo per il periodo corrispondente.

 

Art. 2: CRITERI PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO DEL COLLEGIO

La concessione del Patrocinio è decisa dal direttivo dell’Ordine in carica a seguito di valutazione che tenga conto dei seguenti criteri:

  • coerenza dell’iniziativa con le finalità istituzionali dell’Ordine e pertanto destinata all’aggiornamento e al progresso culturale dell’Ostetrica/o, nel rispetto di quanto previsto dal Codice deontologico vigente;
  • coerenza dei principi ispiratori dell’evento scientifico con le linee di indirizzo della FNOPO, del Ministero della Salute, MIUR, OMS, ecc.;
  • rilevanza qualitativa dell’iniziativa per i professionisti rappresentati;
  • presenza, nel programma dell’evento, di argomenti di interesse per la categoria e che sostengano, tutelino e migliorino la salute di genere anche attraverso progetti umanitari e solidaristici;
  • livello di coinvolgimento di Ostetriche/ci in seno ai lavori (moderatori/relatori/altro).

In caso di accreditamento ECM indicare il numero di crediti ottenuti per la professione ostetrica e il numero di pratica dell’evento. Nel caso l’evento formativo fosse in via di accreditamento, ciò dovrà essere specificato nella richiesta di concessione patrocinio, indicando solo il codice della pratica;

 

Art. 3: LIMITAZIONI ED ESCLUSIONI

Le presenti linee guida non prevedono la concessione di patrocinio:

  • per eventi di carattere politico;
  • per eventi palesemente in contrasto con le finalità dell’Ordine;
  • per eventi palesemente in contrasto con l’etica e la deontologia professionale;
  • per eventi che promuovono attività ingannevoli per l’utenza o che possano configurare abuso di titolo o di professione;
  • per eventi a fine di lucro con attività commerciali o d’impresa.

 

Per quanto riguarda iniziative che presentano aspetti propagandistici e sponsorizzazioni, non dovranno comunque configurarsi situazioni di conflitto di interesse.

Non verranno concessi patrocini che avallino, in qualche modo, pubblicità per istituzioni e prodotti sanitari e commerciali di esclusivo interesse promozionale e che siano in contrasto con il Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno (OMS/UNICEF). L’Ordine  può ritirare il proprio patrocinio a un evento quando gli strumenti comunicativi o le modalità di svolgimento dello stesso possono risultare incidenti in modo negativo sull’immagine dell’ente e dei suoi iscritti.

 

Art 4: UTILIZZO DEL LOGO

La concessione del patrocinio per un evento non implica automaticamente l’utilizzo del logo dell’Ordine. L’autorizzazione all’uso del logo e le relative modalità (stampa su programma, blocchi, cartelline, ecc.) devono essere esplicitamente richieste.

La concessione del Logo viene autorizzata unicamente per l’evento di cui alla richiesta di patrocinio. É vietato qualsiasi altro ulteriore utilizzo.

 

Art 5: MODALITA’ DI RICHIESTA DEL PATROCINIO E DIVULGAZIONE

I responsabili dell’evento devono presentare richiesta formale di concessione patrocinio tramite indirizzo e-mail info@ostetrichevda.it su apposito modulo (richiesta patrocino) nella sezione modulistica del sito www.ostetrichevda.it, (https://www.ostetrichevda.it/l-ordine/modulistica/), i responsabili dell’evento dovranno dichiarare che si impegnano a contrastare l’esercizio abusivo della professione di Ostetrica/o e che, pertanto, non gestiscono né promuovono attività ingannevoli per l’utenza o che possano configurare abuso di titolo o di professione.

Nella richiesta dovrà essere dichiarato: 

  • il titolo dell’evento e gli argomenti affrontati;
  • la sede, la data di svolgimento dell’evento, la sua durata;
  • le finalità e gli obiettivi didattici;
  • i soggetti a cui l’evento è rivolto;
  • il tipo di organizzazione (a livello regionale, nazionale, internazionale, …);
  • il numero di partecipanti previsto;
  • il livello di coinvolgimento di Ostetriche/ci in seno all’evento (moderatori/relatori/altro);
  • i nominativi e le qualifiche della segreteria organizzativa e scientifica.

 

Alla richiesta va, inoltre, allegato il programma dell’iniziativa

I responsabili dell’evento devono anche specificare nella richiesta se intendono utilizzare il logo dell’Ordine, nonché le modalità di utilizzo dello stesso.

Notizie relative alle iniziative per le quali è stato concesso il patrocinio dell’Ordine verranno divulgate tramite il sito dell’Ordine stesso.

L’istanza di patrocinio deve pervenire almeno 30 giorni prima dell’evento salvo casi d’urgenza.

In caso di decisione positiva l’Ordine trasmette la comunicazione di concessione del patrocinio entro 15 giorni. I termini possono subire prolungamenti nel periodo estivo e nel periodo di ferie natalizie per motivi di organizzazione interna dell’ente.

 

 

Modulistica per libere professioniste
CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D.lgs. 196/2003 ed AGGIORNAMENTO DATI OBBLIGATORI

INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 13 D. LGS. 196/2003
Gent. Ostetrica/o,
ai sensi dell’articolo 13 del D.Lgs n. 196/2003, e successive integrazioni, Le forniamo le seguenti informazioni:
A) il trattamento dei dati personali da Lei forniti è finalizzato alla tenuta dell’ Albo professionale, corredato di fotografia, e
all’esercizio delle altre funzioni istituzionali attribuite all’Ordine dalla legge, comprese le comunicazioni e le informazioni
utili alla professione;
B) il trattamento è realizzato per mezzo delle operazioni o complesso di operazioni di cui all’art. 4, comma 1°, lett. a) del
D.Lgs. 196/2003, che potranno essere effettuate con le seguenti modalità: manuale e informatizzata;
C) il trattamento è svolto dal Titolare, dal Responsabile e/o dagli Incaricati del trattamento. Il Titolare del trattamento è
questo Ordine professionale, il Responsabile designato è il SEGRETARIO in carica di questo Ordine professionale;
D) il conferimento dei dati è obbligatorio, in quanto previsto da norme di legge e di regolamento, e il loro eventuale
mancato conferimento comporta l’impossibilità di dare corso alla domanda di iscrizione/cancellazione/trasferimento;
E) al Titolare e/o al Responsabile del trattamento Lei potrà rivolgersi per far valere i Suoi diritti così come previsti
dall’articolo 7 del D.Lgs n.196/2003, che per Sua comodità riproduciamo di seguito integralmente:

D.Lgs n.196/2003 — Art. 7 — Diritti dell’interessato
1 L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non
ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a
conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3 L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di
cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il
loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela
impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4 L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il
compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
F) i dati personali, esclusa la fotografia, potranno essere comunicati a pubbliche amministrazioni, autorità ed enti, pubblici
e privati, come previsto dalle vigenti norme di legge e di regolamento; inoltre, essendo l’Albo professionale pubblico, i dati
personali in esso contenuti, sempre esclusa la fotografia, potranno essere diffusi, anche mediante reti di comunicazione
elettronica, presso chiunque lo richieda e vi abbia interesse;
G)L’Ordine potrà dare notizia, anche on line, dell’esistenza di provvedimenti che dispongono la sospensione o che
incidono sull’esercizio della professione; potrà, inoltre, su richiesta dell’interessato, integrare i dati personali con ulteriori
dati pertinenti e non eccedenti in relazione all’attività professionale, nonché fornire a terzi notizie o informazioni relative a
speciali qualificazioni professionali non menzionate nell’Albo, ovvero alla disponibilità ad assumere incarichi o a ricevere
materiale informativo a carattere scientifico inerente anche a convegni o seminari.